Inizio

Inizio

ClimaHost è un concorso alpino in cui vengono premiate misure eccezionali nei campi della lotta ai cambiamenti climatici e dell'efficienza energetica nel settore alberghiero e della ristorazione.

Hotel, ostelli, alberghi, pensioni, rifugi alpini, ristoranti, trattorie con o senza possibilità di pernottamento, nelle valli o sulle vette: tutti possono partecipare. La condizione è che gli “host” forniscano ospitalità nelle Alpi, offrendo posti letto e/o pasti, e che attribuiscano un ruolo fondamentale alla lotta ai cambiamenti climatici.

Quale importanza la lotta ai cambiamenti climatici rivesta per voi potete dimostrarlo ad esempio attraverso le misure già attuate per ridurre l’impronta ecologica della vostra azienda. Le misure possono essere di varia natura, così come sono varie le strutture ricettive nell’arco alpino. Convincete la giuria con il vostro progetto, illustrando il vostro modo di vivere la lotta ai cambiamenti climatici in azienda. 

Inizialmente il concorso si doveva svolgere nelle categorie “alloggio” e “ristorazione”. Alla luce del numero molto elevato di candidature interessanti nel settore alberghiero e da parte di albergatori alle prese con esigenze particolari a fronte delle poche candidature del settore ristorazione, il programma originario è cambiato. Verranno quindi conferiti tre premi nella categoria “alloggio” (1°, 2° e 3° posto su un totale di 12 nominati) e due “premi speciali”. Nella categoria “premio speciale” saranno valutate aziende che affrontano sfide particolari, quali edifici sottoposti a tutela artistica o altitudini particolarmente elevate. Saranno così premiate anche strutture ricettive che, pur non rientrando nella categoria “alloggio”, hanno presentato un progetto complessivo interessante.


| La competizione è finita. I vincitori sono stati scelti. |

L’invito a partecipare al concorso si trova qui.

L’esatto svolgimento del concorso è descritto qui.

Le condizioni di partecipazione si trovano qui.


Il concorso è organizzato da adelphi e dall’Agenzia austriaca per l’energia con il sostegno della Convenzione delle Alpi e il finanziamento del Ministero federale tedesco per l’ambiente, la protezione della natura e la sicurezza nucleare, nonché del Ministero federale austriaco per la sostenibilità e il turismo.